il nostro blog

Generi cinematografici: un elenco dei più famositutti gli articoli

Generi cinematografici: un elenco dei più famosi

20-04-2021

Ecco un elenco dei generi cinematografici più conosciuti.

C’è chi sostiene che in letteratura esistano più di 200 generi.

Essendo il cinema un naturale discendente del romanzo, dovrebbe averli ereditati tutti.

Alcuni si sono molto più diffusi di altri, ne hanno ingabbiati molti sotto un’unica etichetta. Poi è arrivata l’età d’oro di Hollywood, il cosiddetto periodo classico dei generi cinematografici, che li ha strutturati saldamente, mettendo a punto formule giunte sino a noi.

Nel corso della successiva storia del cinema, e nel presente, spesso essi si sono ibridati, dando vita a sorprendenti fusioni, ma i più famosi sono ancora oggi gli stessi e le loro caratteristiche sono entrate nel mito.

Quanti sono? Ne abbiamo contati 8 e li abbiamo messi in ordine alfabetico.

Azione

Lotte, sparatorie, inseguimenti, esplosioni. Questo genere cinematografico raccoglie al suo interno film tra loro diversissimi, accomunati dalla spettacolarità dell’azione.

Spesso connessa al thriller e all’avventura, la trama cannibalizza i personaggi, è lei la vera protagonista, sia quella dei film di arti marziali sia quella di un film di spionaggio.

Sono film d’azione anche quelli dei supereroi, tanto in voga in questo momento. D’azione sono i catastrofici e tanti film di fantascienza.

Una caratteristica? L’evidente assenza di realismo (i protagonisti, ad esempio, sembrano indistruttibili) e un certo gusto per l’iperbole, l’esagerazione

Commedia

Un altro genere macroscopico. Più che un genere un tono, che affonda le sue origini nell’Antica Grecia e nel teatro Romano.

Genere tra i più fortunati nella produzione di Hollywood già ai tempi del muto, dal tono leggero ma con mille sfumature.

Commedia romantica, commedia drammatica, commedia all’italiana, commedia sofisticata, commedia nera e chi più ne ha più ne metta.

Oltre la risata e il brio, la derisione dei difetti e lo sdoganamento di costumi, perché anche la commedia è una cosa seria.

Drammatico

Se non si ride si piange appare un po' riduttivo. Sarà per questo che la commedia si tinge di dramma e il dramma la sposa con piacere.

Ancora una volta i contorni non sono precisi, ma drama e comedy rendono bene l’idea anche quando di mezzo c’è la serie. Questione di prevalenza tonale e di personaggi. Quelli drammatici sono al centro di tutto, annebbiano l’intreccio e sono ben approfonditi.

Per definizione, tra tragedia e commedia si colloca il dramma, alla ricerca di una mediazione. I toni devono essere seri e se trionfano i sentimenti vince il melodramma.

Ma alla fine, tutto ciò che non rientra nelle altre categorie lo chiamiamo semplicemente drammatico.

Fantascienza

In un futuro improbabile ma non impossibile… si colloca la maggior parte dei film scifi. Ragionando sempre sul presente, la fantascienza ha popolato il nostro futuro di anticipazioni e angosce latenti.

Genere di spessore, anche se pop, capace di guardare in prospettiva ponendo al centro delle sue storie lo sviluppo scientifico e tecnologico, più in generale la società.

Lo spazio e altri pianeti, ma anche la terra in un futuro neanche tanto lontano, lanciando messaggi, spesso SOS, che riguardano i mutamenti (perlopiù) negativi che potrebbero scaturire da ciò che facciamo oggi.

Horror

L’orrore prima di tutto, più in generale, la paura.

La letteratura horror affonda le sue radici nell’antichità e le sue formule hanno saputo attraversare lo spazio e il tempo.

Hostel, film horror

La sua fortuna si deve alle nostre paure più profonde, irrazionali (mostri e entità soprannaturali) e razionali (pericoli quotidiani e serial killer).

Le varianti sono numerose, tanto da aver dato vita ad interi filoni come lo Slasher (dove c’è sempre un killer violento), lo Splatter o Gore (in cui il sangue invade lo schermo), il Torture Porn (dove prevalgono le torture, come nella serie cinematografica "Hostel" di  Eli Roth).

Musical

Un genere nato a teatro, negli Stati Uniti a cavallo tra l’800 e il 900.

Al cinema sbarca con l’avvento del sonoro nel 1927. Nel primo film sonoro della storia, "The Jazz Singer" di Alan Crosland, il protagonista Al Jolson canta diverse canzoni e l’entusiasmo del pubblico consacra il genere.

Il mago di Oz

Da Broadway al tip tap, dal periodo d’oro del musical hollywoodiano (gli anni Quaranta e Cinquanta) al new musical di cui è maestro Baz Luhrmann.

Generi cinematografici: il musical di West Side Story

Un genere dalle sorti alterne, capace di produrre grandi classici (come "Il mago di Oz" di Victor Fleming, "West Side Story" di Jerome Robbins e Robert Wise, "My Fair Lady" di George Cukor), che il teatro non smette mai di mettere in scena.

Thriller

To thrill, rabbrividire. Ecco spiegato il genere.

Se il suo meccanismo principe è la suspense, allora il suo maestro indiscusso non può che essere Alfred Hitchcock.

Che fine ha fatto Baby Jane?

Il suo principale obiettivo è farci provare emozioni forti, legarci alla poltrona e prenderci per la gola.

I suoi sottogeneri non si contano, dal thriller d’azione a quello psicologico ("Che fine ha fatto Baby Jane?" di Robert Aldrich, tanto per intenderci), dallo spionistico al legale. Mille sfumature, capaci di soddisfare milioni di appassionati.

Western

Il cowboy, il villaggio, i grandi spazi, gli indiani, le pistole, il vecchio West… Caratteristiche tipiche di un genere che ha reso la frontiera assoluta protagonista.

Genere letterario che si sviluppa intorno alla metà dell’Ottocento, grazie a pubblicazioni popolari ed economiche, che hanno preso dal loro prezzo il nome (i penny dreadful in Inghilterra, le dime novel negli Stati Uniti).

The Great Train Robbery

Al cinema, sbarca nel 1903 con "The Great Train Robbery" di Edwin S. Porter e, sebbene la sua fortuna abbia oscillato più di una volta, è ad oggi uno dei generi cinematografici più longevi.

I sette samurai

Ci ha fatto conoscere i più desolati (e bellissimi) spazi americani, ha fatto della violenza e del viaggio i suoi temi più cari, ha portato i suoi canoni all’interno di ambientazioni inaspettate (non è forse "I sette samurai" di Akira Kurosawa un film western?).

 

SCOPRI I CORSI DI CINEMA

Galleria immagini